Come portare Internet nei paesi in via di sviluppo

Le grandi aziende tecnologiche come Facebook e Google vogliono portare Internet al mondo povero, e i punti di accesso ad alta quota possono essere una parte importante della soluzione.Che cosa ci vuole per far arrivare ai tanti paesi in via di sviluppo il mondo in modo significativo? Collegare la gente ad Internet potrebbe non essere sufficiente.
La scorsa settimana Facebook ha annunciato che sborsarà 60 milioni dollari per Titan Aerospace, una società di Moriarty, New Mexico, che costruisce droni da lanciare ad alta quota che si alimentano ad energia solare. Facebook intende usare 60 droni per fornire accesso internet wireless nelle aree remote del pianeta.
Seguendo così la scia dell’annuncio del fondatore Mark Zuckerberg lo scorso anno che lui e altri grandi aziende tecnologiche prevedono di collegare i prossimi 5 miliardi di persone, attraverso la partnership con il progetto internet.org.
E’ un nobile scopo, le persone che non possono usare internet sono un enorme svantaggio quando si tratta di acquisire conoscenze e competenze. Alcuni paesi, come la Francia e la Grecia, hanno formalmente dichiarato l’accesso a Internet come un diritto umano fondamentale.
Fornire accesso non è tutto per soddisfare le esigenze degli utenti in tutto il mondo in via di sviluppo. Dietro la costruzione di qualsiasi tipo di servizio c’è bisogno di capire l’utente finale, economicamente e socialmente.
Un problema è come gli utenti possano usufruire del commercio online, dato che in molte parti dell’Africa, per esempio, le persone non hanno una carta di credito, figuriamoci un account PayPal o Bitcoin.
In Kenya e Tanzania, un sistema di pagamento mobile chiamato M-Pesa ha colmato il divario; permette alle persone di archiviare e scambiare i soldi usando solo i loro cellulari. Tuttavia, la maggior parte dei siti web non consentono di pagare e non sono a conoscenza della sua esistenza.
google Internet
 Il World Wide Web Consortium terrà un workshop a Parigi, per esaminare la questione, l’ obiettivo è quello di trovare modi efficaci e sicuri per effettuare il pagamento on-lineo in tutti i paesi.
È possibile aprire il mondo del commercio online per centinaia di milioni di persone in Africa, che attualmente hanno un modo per pagare online, ma non possono utilizzarlo per accedere ai siti commerciali che esistono, dice  un consulente di Information Technology.
In breve i progetti ad alta quota funzioneranno solo coinvolgendo la popolazione locale e i poli di innovazione costruiranno prodotti che alla fine faranno diventare la connettività significativa.
un dottorando che lavora presso l’Università Berkeley della California, è d’accordo: il suo team ha costruito le torri cellulari a basso costo in posti rurali come Papua Nuova Guinea, e ritiene importante tenere riunioni con le comunità per sentire i pensieri e le idee locali prima di procedere.
È necessario conoscere la comunità dove si sta costruendo, prima di poter costruire le cose per la comunità.